I cambiamenti climatici. Un problema che tocca tutti.

Sappiamo bene come in questi ultimi 30 anni, lo sviluppo del
consumismo e la sovrapproduzione dei beni abbiano portato
problemi enormi non solo a noi esseri umani, con disuguaglianze
sociali, ma soprattutto con “danni collaterali” all’ambiente. La
denuncia che il clima sul nostro pianeta sta cambiando in maniera
irreversibile, non ci viene soltanto da ciò che ascoltiamo e vediamo
dai media mainstream ma dai fenomeni naturali che mutano come:
innalzamento dei mari e lo scioglimento dei ghiacciai.
I cattolici italiani trovano nelle parole e negli scritti di Papa
Francesco una grande ispirazione per capire come agire e cosa
fare per questo problema che mette in pericolo la vita sul pianeta.
La “Laudato Sii” può essere un faro illuminante per le menti di tutto
il mondo. Ovviamente i buoni propositi sono ben accetti ma da soli
non bastano a modificare la situazione. Occorre perciò ripensare il
modello stesso di sviluppo con un’economia più circolare ed etica.
I cambiamenti climatici devono essere al centro delle agende dei
governi nazionali e locali.
Dal 21 al 24 ottobre scorso si è svolta a Taranto la 49° Settimana
sociale dei Cattolici Italiani che ha riunito oltre 700 delegate e
delegati provenienti da tutta Italia insieme ad un centinaio di
Vescovi, sacerdoti e religiosi, laici, rappresentanti delle Istituzioni,
del mondo della politica e della cultura per riflettere sul tema “Il
pianeta che speriamo. Ambiente, lavoro, futuro. #tuttoèconnesso”,
Le Acli, sentinelle del territorio hanno il compito portare alla luce i
problemi degli ecosistemi e dell’ambiente. L’Impegno preso a
Taranto, deve essere concreto, incominciando dalle buone pratiche
già esistenti sul territorio. Come associazione abbiamo il dovere di
formare le coscienze in sinergia con le istituzioni, per il bene
comune.
ACLI PROVINCIALI DI ANCONA

Condividi sui tuoi social network preferiti!

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo e-mail non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono segnati con *

Accetto la Privacy Policy